Kit fotovoltaico: Quale scelgo? Quanto grande? Di che materiale?

come leggere la bolletta energia
L’Origine dei costi della tua bolletta elettrica
1 Luglio 2019
kit fotovoltaico fai da te
Kit fotovoltaico Fai da Te: Ne hai già sentito parlare? E’ conveniente?
18 Agosto 2019

Chi approccia il mondo del fotovoltaico e della produzione di energia pulita si pone domande analoghe in merito a: costi, dimensioni, materiali.
In questo articolo cercheremo di mettere ordine e fornire consigli utili.

Potremmo iniziare ad affrontare l’argomento sfatando alcuni luoghi comuni.

1.) Più persone siamo e più elevata sarà la potenza necessaria.

Sbagliato.

In realtà il numero di persone e la metratura dell’abitazione non hanno un’incidenza proporzionale sulle dimensioni e la potenza dell’impianto fotovoltaico.

Ad esempio, un nucleo di appena 2 persone che vivono in uno spazio ridotto potrebbe tranquillamente consumare più energia di una famiglia di 5 elementi che abitano in una casa di 200m².

Questo perché abitudini, stili di vita e consumo variano da nucleo a nucleo, indipendentemente da quanto sia numeroso.

2.) Se l’impianto fotovoltaico è più grande, produrrà più energia.

Falso.

Dando ragione a questo assioma, si rischia di incorrere in uno degli errori più comuni: ovvero dotarsi di un impianto fotovoltaico sovradimensionato.
Le dimensioni di un impianto fotovoltaico, infatti, non incidono sulla produzione di energia; piuttosto, come vedremo, è la scelta dei materiali la variabile preponderante.

3.) Con un impianto molto performante avrò più energia a disposizione e risparmierò di più.

Vero solo in parte.

Dai dati statistici risulta, infatti, che soltanto il 30% dell’energia prodotta da un impianto fotovoltaico possa essere utilizzata per l’autoconsumo; la restante parte viene immessa nella rete pubblica, per poi essere riacquistata al bisogno ad un prezzo maggiorato.

A rendere parzialmente vera l’affermazione è il fatto che, dotandosi di un sistema di accumulo, si possa ovviare a questa dispersione. Maggiori Informazioni

COSA OCCORRE VERIFICARE ALLORA PER CAPIRE DI QUALE IMPIANTO DOTARSI?

Innanzitutto, bisogna partire dall’analisi attenta dei propri consumi indicati in bolletta.

Da questa lettura si evinceranno i Kwh di cui abbiamo reale esigenza. Dopodiché, dovremo analizzare le caratteristiche della nostra abitazione, sede o capannone.

Occorrerà infatti valutare la tipologia del tetto, lo spazio a disposizione, l’esposizione, ecc.

Una volta note queste variabili, potremmo scegliere quale sia la soluzione migliore, tenendo a mente che diversi materiali corrispondono a diverse perfomance.

Ad esempio, per produrre 3.000 Kwh all’anno che rappresentano il consumo medio di una famiglia occorreranno:

  • 12m² di moduli monocristallini ad alte performance
  • 15m² di moduli monocristallini
  • 20m² di moduli policristallini
  • 36m² di pannelli a film sottile
  • 60m² di pannelli in silicio amorfo

Come si avrà avuto modo di analizzare, la scelta dei materiali incide moltissimo sullo spazio necessario per l’installazione.

O ribaltando il punto di osservazione, in base allo spazio a disposizione, potremmo optare per materiali più o meno performanti ed efficienti.

Vediamo nel dettaglio le differenze tra i pannelli fotovoltaici.

Moduli in silicio amorfo:

ciascun pannello genera una potenza molto bassa, pertanto per avere un impianto soddisfacente, si dovrà utilizzare un maggior numero di pannelli. Questi moduli però hanno delle caratteristiche interessanti per chi preferisce catturare la luce diffusa; infatti, hanno un ottimo rendimento anche in periodi con scarsa illuminazione.

Risultano perfetti per chi ha superfici molto ampie da destinare all'impianto.
Pannelli a film sottile:

la potenza generata è di poco superiore a quella dei moduli in silicio amorfo. Tra le caratteristiche vantaggiose di questi modelli vi è sicuramente la capacità di catturare l'energia solare anche a temperature elevate.

Moduli monocristallino compatto:

efficienza molto elevata, ma dimensioni decisamente più importanti. Lunghezza 140cm, larghezza i 100cm, spessore 4-5cm.

Moduli monocristallini e policristallini non compatti:

sono i più efficaci dal punto di vista delle potenzialità. La dimensione dei pannelli fotovoltaici monocristallini e policristallini è molto superiore rispetto agli altri moduli solari: hanno, infatti, una lunghezza che raggiunge i 170cm.

RIASSUMENDO

La scelta dell’impianto fotovoltaico deve essere attenta e ponderata sulle reali necessità e caratteristiche dell’ambiente che dovrà ospitare l’impianto.

Una consulenza attenta vi consentirà di calmierare l’investimento evitando di acquistare impianti sovradimensionati, non performanti, o semplicemente troppo ingombranti.

Vuoi scoprire subito se l’impianto che avevi ipotizzato sia quello giusto per te?

Ottieni il CHECK-UP gratuito del tuo impianto fotovoltaico.

Saremo lieti di proporti le soluzioni più convenienti e performanti che il mercato possa offrire.

Consenso Privacy

1. Contattaci gratuitamente e senza impegno.

2. Ascolta il parere dei nostri esperti e le soluzioni più convenienti.

3. Inizia a risparmiare.

Per saperne di più
CLICCA QUI

Chi approccia il mondo del fotovoltaico e della produzione di energia pulita si pone domande analoghe in merito a: costi, dimensioni, materiali.

CONSULENZA GRATUITA
close slider

INFORMAZIONI PERSONALIZZATE

Lo Staff di Rinnova Energy Solution è a disposizione per fornirti informazioni su misura per le tue esigenze nel campo della Riqualificazione Energetica


ResidenzialeAziendaleManutenzione


Consenso Privacy